L’ ufficio del pubblico ministero  in corte D’appello a Salonicco ha deciso l’assoluzione di sei degli otto agenti di polizia accusati del pestaggio a sangue di uno  studente cipriota Demetrio Agostino, avvenuto la sera del 17 novembre 2006, il cosi detto caso della “fioriera”.

I sei vennero accusati di complicità e lesioni personali aggravate.
La decisione è stata presa a maggioranza, mentre gli altri due agenti coinvolti sono stati condannati a pene detentive di 2,5 anni e a una moratoria di tre anni sul esercizio della professione.
Gli unici due condannati confessano  che hanno colpito lo studente cipriota e hanno giustificato il gesto dicendo che cercavano di trattenerlo per arrestarlo, mentre lui ha resistito con forza. Di questi, uno  rimane in carica  e il secondo è in pensione.
In primo grado, gli otto poliziotti erano stati condannati a pene detentive da 15 mesi a 3 anni e 3 mesi, e la sospensione dal servizio per tre anni.
Al ragazzo pestato è stato stabilito un rimborso  di 300.000 euro per  danni.
Sig. Demetriou non ha nascosto la sua amarezza per la decisione della Corte e ha detto: “Da sei anni ormai hanno rotto la mia esistenza, ho perso la mia vita, non potrà mai tornare in Grecia.”
il video con le spiegazione degli avvenimenti

articolo originale tratto da Cyprusnews
tradotto da Atenecalling