<!–[if !mso]>st1:*{behavior:url(#ieooui) } <![endif]–>

Il celebre storico si esprime riguardo «la profonda crisi della democrazia socio-parlamentare» in Grecia.
Riguardo l’estremismo politico e le sue conseguenze nei tempi critici del crollo economico, proprio come quelli che affronta oggi la Grecia, ha parlato il celebre storico Mark Mazower, durante la serata di martedì (12/2) al collegio americano di Atene.
La conferenza da lui tenuta si è incentrata sullo sviluppo dei partiti di estrema destra, dunque di Alba Dorata, che presentano «un programma politico in grandissima parte nazista». Lo storico si è mostrato perfettamente aggiornato riguardo gli ultimi sviluppi in merito, anche riguardo il “controllo” sull’ospedale Panarkadico di Tripoli.
Mazower ha fatto un salto indietro, negli anni del primo dopoguerra, per ricordare che l’avvento degli estremisti dell’epoca era correlato con «la profonda crisi della democrazia socio-parlamentare» ed ha sottolineato, sempre impeccabile nelle sue analisi, che nelle circostanze attuali un approccio  tale non può non accostarsi al paragone tra capitalismo e democrazia.
«Paragonare non significa necessariamente uguagliare» ha affermato il docente dell’University of Columbia di New York, profondo conoscitore della storia della Grecia contemporanea, facendo riferimento alle analisi che comparano il fascismo con il comunismo (la cosiddetta “teoria degli opposti”) sotto la base comune del “totalitarismo”, riguardo al quale ha espresso alcuni dubbi, in quanto indice di ignoranza ideologica di chi lo utilizza.
«La crisi odierna della democrazia socio-parlamentare in Grecia è veramente grave», ha continuato Mazower, difendendo il dopoguerra come un periodo di ridimensionamento totale politico ed anche storico della nostra nazione. «Il problema fondamentale è la credibilità del sistema politico e dei suoi rappresentanti», ha affermato diverse volte.
Alba Dorata e il nazionalsocialismo tedesco
In merito al grande successo dell’estrema destra, lo storico ha aggiunto che «si tratta di un qualcosa di nuovo», che dobbiamo considerare all’interno della sua specificità greca. «Alba Dorata è un fenomeno prettamente greco», ha sottolineato spiegando per quale motivo, in questo caso, non riscontra pertinenza, a parte alcune analogie o uguaglianze, con la Repubblica di Weimar.
Mazower ha analizzato il carattere contraddittorio di Alba Dorata (ossia dei nazionalisti dell’antiglobalizzazione), mettendo in chiaro una volta per tutte che questa formazione politica ha «familiarità ideologica con il nazionalsocialismo tedesco».Si ubbidisce, precisa, alla “voce segreta del sangue”, al posto del fürer, che rappresenta il popolo chiamato in causa. «Sostituite con gli immigrati gli ebrei e vi accorgerete della spaventosa somiglianza», ha affermato.
Per quanto riguarda l’estrema sinistra, invece, ha dichiarato che è irrilevante al fine elettivo e che rappresenta una minaccia del tutto secondaria al fine democratico. Ha tra l’altro messo in dubbio che la sinistra possa aver deviato Alba Dorata, così come si dice, sottolineando che sotto alcuni aspetti come “l’illegalità” avvengono dei “giochi politici”.
Quando il Professor Thanos Veremis gli ha domandato se effettivamente credesse, «con una mano sul cuore», che la sinistra rispetti tutte le leggi (facendo degli evidenti riferimenti all’asilo universitario), Mazower ha risposto che «è da considerarsi un problema maggiore la delegittimazione del sistema politico, rispetto al rinvio di alcuni corsi» e che, più in generale, non crede nell’uguaglianza di tutte le forme di legalità.
«Nonostante l’organizzazione terroristica 17N possa aver causato un impaccio, non ha mai messo in pericolo la democrazia in Grecia», ha affermato in un passaggio Mazower. «Il problema è che non c’è mai stata una rottura completa con l’idea di rivoluzione», ha specificato.
Negli ultimi anni si è sviluppata una forte ondata di polemiche nei confronti delle istituzioni con una forte dimensione di moralità da parte dei cittadini. Mazower ha dato l’allarme affinché, il più presto possibile, si gettino le nuove basi per una “legalizzazione della politica”.
Originale in greco: tovima
Tradotto da atenecalling