Secondo una denuncia del Partito Comunista Greco (sezione di Messara), un gruppo di 15-20 persone, tra cui anche alcuni studenti minorenni incappucciati, hanno attaccato con dei mattoni la casa di un migrante, rompendone i vetri. Sono entrati nel cortile e hanno cercato di abbattere la porta con pugni e calci, provocando il terrore e il panico di tutti i membri della famiglia e specie del figlio minore.
In base alla denuncia del KKE (Partito Comunista Greco, n.d.t.) tali azioni sono il prodotto del razzismo e della xenofobia, coltivati dal governo tripartito e generati da Alba Dorata. Tali azioni offuscano la causa reale dei problemi che vivono oggi i lavoratori, greci e stranieri, e in generale il popolo. La storia insegna che nei periodi di crisi economica tali fenomeni vengono utilizzati dal sistema capitalista affinché il popolo non osi dubitare delle scelte del capitale.
In un suo annuncio, il Partito Comunista Greco invita i sindacati, le associazioni, le istituzioni della zona, le assemblee delle comunità scolastiche a denunciare l’accaduto e in generale tutta l’attività di Alba Dorata, formazione dichiaratamente fascista. E a lottare in modo più determinato contro il sistema che fa nascere il fascismo, il razzismo e la xenofobia. La lotta di classe ha la forza di impedire tali azioni e di isolare i loro autori

Originale in greco: left
Tradotto da atenecalling