st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:”Tabella normale”; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:””; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-ansi-language:#0400; mso-fareast-language:#0400; mso-bidi-language:#0400;}

Una delegazione di Syriza ha visitato il centro di detenzione per migranti di Amygdaleza, trovando una realtà vergognosa, con centinaia di persone sistemate una addosso all’altra, senza alcun criterio igienico, sofferenti per il freddo. Molti di loro sono malati e, praticamente, non ci sono contatti con il mondo esterno. Il dogma “renderemo la loro vita invivivibile per non farli tornare e per non farne venire altri” viene applicato pienamente dal governo tripartito, che per il resto combatte il razzismo e Alba Dorata…
Una delegazione di Syriza composta dai deputati Kostas Zachariàs, Vassiliki Katrivanou e Afroditi Stampouli, insieme ai membri locali del partito Acharnon-Menidi, Panayotis Rodakis e Yannis Dedes, hanno visitato la mattina di venerdì scorso il centro di detenzione per migranti di Amygdaleza.
Le condizioni di detenzione delle quasi 1380 persone costituiscono una vergogna per la Grecia. I detenuti non si sono potuti lavare per due mesi, visto che nel centro non c’è né il sapone o né altri beni per la cura personale.
Affrontano il freddo, con serie carenze di vestiti e scarpe. Le lavatrici sono chiuse a chiave e non c’è nemmeno il detersivo.
In questi ultimi mesi, sono stati registrati ben 300 casi di scabbia, che sono stati trattati dall’Organizzazione “Intervento Medico” che lavora in condizioni difficilissime e senza alcun finanziamento. In questo modo è praticamente impossibile far fronte ai problemi.
Tra i detenuti, c’è gente la cui salute è peggiorata a causa della detenzione. Alcuni di questi hanno la tubercolosi, il diabete, problemi ai reni, mentre altri hanno problemi psichiatrici. La possibilità di accedere all’ospedale per i casi più pesanti è estremamente limitata e quelli che vengono trasferiti ritornano al centro di detenzione senza essere stati curati.
La comunicazione di queste persone con amici o avvocati può avvenire solo con l’uso di una scheda telefonica, tuttavia loro non hanno soldi per procurarsela. 
Molti vengono detenuti abusivamente, senza un motivo (ad esempio richiedenti asilo sono detenuti insieme a coloro che hanno chiesto di essere inseriti in un programma di rimpatrio volontario). 
In un caso, tra l’altro, un minore era detenuto insieme a maggiorenni per ragioni ragioni correttive!
Il dogma del governo tripartito sull’immigrazione, che può essere riassunto nel principio “renderemo la loro vita insopportabile, per far andare via quelli che ci stanno e affinché non arrivino altri”, costituisce una vergogna per il paese.
I campi di detenzione, la violenza, la detenzione infernale, non sono dovuti esclusivamente alla mancanza di fondi. Se così fosse, il governo avrebbe mobilitato la società e le istituzioni, avrebbe organizzato delle campagne, avrebbe collaborato con le organizzazioni internazionali.
Invece, fanno esattamente il contrario.
E lo fanno perché credono che certe persone sono “stranieri in eccesso”, inutili e consumabili.
Per il resto, stanno “combattendo” Alba Dorata…
Originale in greco: left
Traduzione di atenecalling