ImageProxy (2)
Assistiamo ormai da mesi a un’operazione coordinata di disdegno della deputata di Syriza Zoì Konstantopoùlou: fuga di notizie selettive nei media, di parti dei dialoghi della commissione parlamentare per le indagini preliminari a proposito della lista Lagarde, servizi unilaterali, commenti pieni di disdegno sulla sua personalità e sul suo metodo di lavoro come avvocato e come membro della commissione (di recente è stata chiamata “Javert al femminile” [dal libro “I miserabili” di Victor Hugo, n.d.t.] ma anche “soggetto volgare”).
Il culmine di questa operazione è stato raggiunto con l’articolo sessista di Giànnis Pretendèris sul giornale “To Vima” di domenica scorsa, dove viene presentata la teoria dei due estremi nella sua versione più volgare, almeno finora. La deputata militante della sinistra viene equiparata al nazista Ilìas Kassidiàris. Da questa equazione malata, risulta il mostro ermafrodito “Zoì Kassidiàri”!
Come giornalisti professionisti e come donne militanti nelle lotte politiche e sociali, consideriamo inaccettabile lo schieramento di nostri colleghi in questa inaudita operazione che mira allo sterminio politico di una giovane deputata militante e, inoltre, alla distorsione del discorso politico dell’opposizione parlamentare e al disdegno del controllo parlamentare.
Denunciamo pubblicamente il populismo, la barbarie e l’immoralità di questo discorso “giornalistico”. Denunciamo gli schiaffi reali e metaforici (ma altrettanto violenti e terrorizzanti) che vengono dati a deputate da chiunque, da Kassidiàris e da Pretendèris. Invitiamo i Consigli Amministrativi delle nostre Unioni a prendere posizione pubblicamente, a non legittimare nemmeno moralmente lo sconto del servizio giornalistico, a difendere le regole della deontologia giornalistica e a proteggere il prestigio del nostro settore.
Le firmatarie:
Pòpi Christodoulìdou – Dìmitra Kountì- Alexàndra Christakàki- Mimì Toufexì – Dìna Daskalopoùlou – Katerìna Katì – Eugenìa Loupàki – Lìna Giànnarou – Deppy Golemà – Matìna Papachristoùdi – Giorgia Kontràrou – Afrodìti Tziantzì – Fotini Lamprìdi – Ninèta Vidàli – Eleànna Rozàki – Lamprini C. Thomà – Aggèla Darzànou – Dòra Sarrì – Eleutherìa Alavànou – Giulie Tsìgka – Christìna Vìdou – Anna Sampatàki – Elèni Vassilàki – Dàni Vèrgou – Christìna Papastathopoùlou – Anthì Pazianoù – Alìki Màtsi – Dìmitra Kakaounàki – Marìa Dìma – Elèni Groui – Vicky Kapetanopoùlou – Athinà Koufopànou – Theodòra Agourìdou – Marìa Loukà – Vassilikì Sioùti – Ioànna Iliàdi – Georgìa Fàssou – Katerìna Barkitzì – Stavroùla Poulimèni – Angelique Kouroùnis – Eirìni Probonà – Màgda Klavdianoù
Fonte: tvxs
Traduzione di Atene Calling