Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

viome-logo

Venerdì 10 maggio 2013 Ore 18.30 a Milano @ExCuem, Universitò Statale, Via Festa del Perdono

 

CONTRO L’AUSTERITY OCCUPA RESISTI PRODUCI!

INCONTRO CON GLI OPERAI DELLA VIO.ME fabbrica occupata e autogestita in Grecia

 

Partecipano:

MAKIS ANAGNOSTOU: spokesperson of Vio.Me. workers’ Union

CHRISTOS MANOUKAS: membro dell’assemblea di solidarietà agli operai della VIO.ME

RI-MAFLOW: lavoratori della fabbrica autogestita di Trezzano sul Naviglio 

LAVORATORI DEL SAN RAFFAELE: in mobilitazione contro i licenziamenti e per la Sanità pubblica.

 

Nel 2011 i proprietari della fabbrica VioMe a Salonicco in Grecia abbandonano la produzione di materiali edili e lasciano 40 operai senza lavoro e senza stipendio. Gli operai occupano lo stabilimento e lo rimettono in produzione attraverso l’autogestione e l’autofinanziamento. I lavoratori della Vio.Me come quelli della Ri-Maflow di Milano “non solo” occupano, resistono, producono: nell’indicare una via d’uscita dalla crisi e dall’austerity si rifunzionalizzano in chiave eco-sostenibile. Alla VioMe gli operai provano a produrre materiali edili senza prodotti inquinanti, lanciando una doppia sfida al neoliberismo che in nome dei profitti distrugge la vita e i territori.

 

In Argentina nel 2001 i cacerolazo nelle piazze hanno imposto la caduta di tutti i governi che non erano disposti a farla finita con il ricatto del debito e contemporaneamente i piqueteros hanno trasformato in realtà il sogno dell’autogestione della produzione. Come racconta benissimo il film The Take di Naomi Klein e Avi Lewis a proposito della fabbrica occupata Zanon gli operai hanno preso in mano il proprio destino, facendo a meno del padrone. Anche in Grecia dal grande movimento di solidarietà che sta accompagnando la durissima crisi economica e contrastando per quanto possibile l’ascesa dei fascisti di Alba Dorata sono nate moltissime esperienze di autogestione: ospedali, scuole fabbriche che provano a prendere il volo da sole, a produrre al di fuori del comando del neoliberismo per sconfiggere quella miseria che le politiche dell’Austerity imposte dalla Troika che rappresenta gli interessi della finanza internazionale stanno imponendo. Centinaia di persone hanno partecipato alle iniziative e ai concerti in solidarietà con questa esperienza permettendo l’avvio di una produzione autonoma che possa essee d’esempio per tutto il paese.

 

Ma è anche la Solidarietà globale, dall’Egitto, all’Europa, agli Stati Uniti che ha permesso a queste esperienze di moltiplicarsi. Per questo a Milano, a pochi giorni dalla nascita dello Spazio del Mutuo Soccorso, siamo fieri di ospitare i compagni della Vio.Me per discutere assieme di autonomia e autogestione, mutuo soccorso e pratiche di resistenza dal basso, per costruire l’esodo dal mondo disegnato dalla finanza internazionale e trovarci assieme in una rete di mondi possibili, altri costruiti sulla base del principio che i diritti sono inalienabili e la cooperazione sociale deve essere libera.

 

Li ospiteremo all’Università perché in questi giorni è attraversata da una lotta importantissima, quella che vede gli studenti battersi per la riconquista dell’ExCuem, una libreria autogestita che è luogo di ricerca autonoma, produzione di sapere libero ed auto-organizzazione del conflitto sociale. Dopo le vergognose cariche che il rettore Vago hga ordinato lunedì gli studenti non hanno perso un momento e hanno rilanciato con cortei dentro e fuori l’Università riconquistandosi lo spazio che è statio distrutto e sgomberato nel weekend. Venerdì, a conclusione di una importante giornata di mobilitazione ci sarà una assemblea in cui discuteremo del significato dell’occupazione per prendere in mano le nostre vite, il presente e il futuro e costruire autonomia a partire dalle aule dell’università e dalla fabbrica-metropoli, così come delle fabbriche reali.

 

Inviteremo all’incontro anche diverse realtà della città che sono in lotta!
La Ri-Maflow, fabbrica milanese che ha risposto ai licenziamenti auto-organizzando la propria produzione e rinnovandola, trasformandola in una attività eco-sostenibile di riciclo che permette a diversi lavoratori di proseguire l’attività con la nuova cooperativa ONLUS che hanno fondato assieme.


I lavoratori del San Raffaele che si stanno battendo proprio in questi mesi contro i licenziamenti nel nome di una sanità che garantisca salute per tutti, perchè è un diritto e non un privilegio potersi curare e i licenziamenti che oggi colpiscono i lavoratori presto colpiranno tutti essendo l’ennesimo taglio al Welfare imposto dall’Austerity. Guarda l’articolo sulla mobilitazione del Conflict Day

 

Guarda i link :

Video sulla VioMe

Sito in inglese della Vio.Me  

Organizzare l’insolvenza, da Atene Calling  

Segui il tour degli operai VioMe in Italia, da AteneCalling

 

Tratto da cantiere.org