15987_400380930084299_2093668565_n

Aggiornamenti in tempo reale sulla nostra pagina facebook:

https://www.facebook.com/pages/Atene-Calling/251665391622521?ref=hl

“Ad un certo punto è arrivato uno in moto, che si è presentato come un poliziotto e parlava a noi e agli altri. C’era tensione. Alla fine ci ha detto che andava tutto bene, che potevamo andarcene e che non sarebbe successo niente. Alla fine non era un poliziotto e mentiva. Poi siamo andati ad un chiosco per comprare una birra. All’improvviso sono apparse quasi 30 persone in moto.

Una di loro ha chiesto al mio amico se questa fosse la via e lui gli ha risposto di sì. Ed è allora che ci hanno aggredito 40 persone. Abbiamo attraversato la strada, ma ci hanno inseguito. Ci chiamavano “galline” ma eravamo solo in sette e c’erano due ragazze tra di noi. Pavlos è rimasto indietro e hanno cominciato a picchiarlo. Chi l’ha ucciso l’ha fatto perchè lo picchiava e lui non cadeva. Lo ha accoltellato due volte, una sulla pancia e l’altra al cuore”.

Poi l’amico di Pavlos Fissas ha detto che alla caserma di polizia si è trovato faccia a faccia con l’assassino, che ha sostenuto che non era albadorato e che era venuto per un altro motivo. Come sono venuti a sapere dopo, l’assassino di Pavlos Fissas, G.R., ha chiesto la protezione della polizia. L’amico del deceduto vorrebbe passare almeno dieci minuti con lui: “lo avrei lasciato come minimo disabile”, dice. Alla fine l’amico di Pavlos Fissas ha smentito di avere a che fare con gli incidenti di Perama e il fatto di avere dei rapporti particolari con partiti politici e nello specifico con Antarsya.

Fonte: alfavita

Traduzione di Atene Calling

————————————————————————————————-

Ci sono nuovi sviluppi nel caso dell’assassinio di Pavlos Fyssas a Keratsini. Durante l’interrogatorio il 45enne G.R., che ha accoltellato e ucciso il cantante, ha sostenuto di essere stato chiamato per andare all “appuntamento con la morte”. Secondo fonti della polizia, uno dei partecipanti all’agguato ha chiamato G.R. per recarsi in via Tsaldari dove è successo l’incidente dalla fine drammatica.

L’autore dell’omicidio, che è padre di un figlio, ha ammesso di far parte di Alba Dorata e ha detto agli uomini della Polizia che visitava 5-6 volte alla settimana la sede del partito di estrema destra.
La Polizia indaga negli archivi per verificare l’eventuale partecipazione ad altri simili attacchi.
Fonte: iefimerida

Traduzione di Atene Calling

Gli articoli tradotti da Atene Calling:

Domani processo per direttissima all’ufficiale della marina militare italiana che ha puntato una pistola contro i manifestanti

Molotov e pietre contro gli uffici di Alba Dorata a Patrasso – un uomo punta una pistola contro i manifestanti

Alcune testimonianze sull’omicidio di Pavlos Fissas

Sull’omicidio di Pavlos Fissas [ITA-ENG]

Atene, assassinato un antifascista