fyssas.jpgedited390

Parlando a SKAI, la madre di Pavlos Fyssas ha rivelato l’esistenza di un video nel quale si vede tutto l’agguato finito con l’atroce omicidio. Lei stessa afferma che il video, che è stato consegnato alla polizia, è stato registrato da un testimone oculare.

Ha aggiunto che suo figlio non aveva mai avuto niente a che fare con l’omicida e che “Roupakiàs” è un assassino pagato. “Mio figlio non aveva precedenti con loro. Non li conosceva. Roupakiàs è stato avvertito dalla caffetteria. Lo hanno chiamato per uccidere una persona. È capitato a mio figlio. Lo hanno ucciso perché ha protetto i suoi amici”.

“Mio figlio, visto che stava davanti, ha detto agli altri di andarsene nei vicoli e di lasciarlo là, che li avrebbe convinti a non fare nulla”.

Aggiornamento dalla stessa pagina

Gli ufficiali competenti hanno ribadito quello che avevano già detto all’agenzia di notizie APE-MPE: il video di cui ha parlato la madre di Pavlos Fyssas non è mai arrivato al reparto di sicurezza, né alla caserma di polizia di Keratsini, dove sono stati inizialmente portati l’assassino, i testimoni e i fermati.

Fonte: the Press Project (pagina fb)

Traduzione di Atene Calling