La testimonianza di un iraniano vittima di un attacco a sfondo razziale in zona Metaxourghio [Atene, n.d.t] provoca shock e vergogna. Il cittadino migrante ha denunciato che mentre camminava nella zona è stato aggredito da tre uomini vestiti di nero, che lo hanno picchiato e gli hanno tagliato l’orecchio.

“Mi hanno aggredito. Poi uno di loro mi ha messo la mano intorno al collo per immobilizzarmi  e con i denti mi ha tagliato l’orecchio. Sanguinavo e il mio orecchio è caduto per terra”, descrive il giovane iraniano.

Un suo amico ha trovato l’orecchio tagliato e gliel’ha dato, poi insieme si sono recati all’ospedale. È stato operato, ma l’intervento chirurgico di per riattaccarlo non ha funzionato.

“Quello che voglio dire ai migranti che lasciano il proprio Paese è che… forse nel loro Paese si sta meglio” dice Shaid, che ha trovato rifugio presso i Medici Del Mondo. “Io in Europa non ho visto nessuna civiltà, nessun tipo di affetto” aggiunge.

Fonte: koutipandoras

Traduzione di AteneCalling.org