Greek police arrest suspected illegal immigrants

Prima era dentro, poi fuori. Poi di nuovo dentro, ora di nuovo fuori (per ora). Il governo sembra confuso e diviso sul controverso articolo che minaccerebbe di deportare i migranti illegali che denunciano le autorità razziste. L’articolo è stato incluso nel progetto di legge per riformare la politica dell’immigrazione che è attualmente in discussione in parlamento.

Nella tarda notte di martedì, il vice-Ministro dell’Interno, Leonidas Grigorakos, ha presentato un emendamento al progetto di legge per cui i migranti che accusano di abusi gli organi dello Stato saranno deportati nel caso in cui queste accuse vengano ritenute false durante le “indagini preliminari”.

La posizione ufficiale di SYRIZA, come dei membri del PASOK – partner della coalizione di governo -, ha condannato l’emendamento e in seguito Grigorakos ha ritirato l’articolo controverso sapendo che l’opposizione ad esso si basava su argomenti sostanziali. Invece, solo poche ore più tardi, il Ministro dell’Interno Yannis Michelakis ha riproposto l’articolo provocando reazioni furiose da parte dell’opposizione che ha sottolineato lo scompiglio nella maggioranza e una possibile spaccatura nella coalizione di governo tra Nuova Democrazia e PASOK sull’argomento.

Il portavoce parlamentare di SYRIZA Panagiotis Lafazanis ha detto che il Ministro ha “smentito e fatto scomparire” il vice-Ministro.

Reintroducendo la misura, Michelakis ha rivendicato la necessità di proteggere le forze dell’ordine, come la Guardia Costiera e la polizia, dagli immigrati che denunciano abusi infondati.

“La misura è basata sull’obbligo auto-evidente di ogni Stato organizzato di proteggere i suoi organi nell’esercizio delle loro funzioni. La nostra Guardia Costiera è un esempio caratteristico. Chi vorrebbe che fosse preda di accuse infondate, scurrili e mirate, mosse nei suoi confronti da persone che trafficano anime sfortunate nel nostro Paese? Voi sapete bene che li consigliano di accusare di abusi e tentativi di annegamento i membri della Guardia Costiera all’arrivo nel Paese”.

La mossa di Michelakis è stata supportata dal leader del gruppo parlamentare di Ne Demokratia (che era membro del partito di estrema destra LAOS prima di entrare in Nea Demokratia) che ha accusato SYRIZA di proteggere I trafficanti di persone.
SYRIZA ha affermato che la misura è razzista ed è stata scritta per aiutare a coprire gli episodi di abusi e violenze perpetrati dalle autorità contro i migranti irregolari che tentano di entrare in Grecia con mezzi spesso rischiosi. Uno di questi incidenti è accaduto recentemente vicino Farmakonisi, dove 12 migranti, 8 dei quali bambini, sono affogati quando la loro barca si è capovolta. I superstiti della tragedia hanno affermato che la barca si è ribaltata durante un’operazione illegale di respingimento realizzata dalla Guardia Costiera per riportare i migranti in Turchia. Le autorità greche negano le accuse, mentre l’UNHCR e la Commissione per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa hanno chiesto un’indagine sull’episodio.

“È una previsione senza precedenti per intimidire le vittime che accusano un organo dello Stato di un crimine razzista. Chi stanno cercando di proteggere? Certamente non uno Stato basato sulla giustizia”, ha detto il parlamentare di SYRIZA Vasiliki Katrivanou. Il portavoce parlamentare del partito di opposizione ha anche denunciato duramente la misura affermando: “i razzisti stanno facendo le leggi. Perché non appendere tutti quanti loro, invece?”.

Nell’ultimo colpo di scena, Grigorakis ha ritirato l’articolo – nuovamente – venerdì pomeriggio. Ha motivato il ritiro dicendo che la controversia creata da questa misura ha prodotto un’impressione sbagliata. “Noi vogliamo assicurare le persone che non abbiamo nessun desiderio di dissuadere le accuse di violenze razziste e per questo stiamo ritirando l’articolo”, ha detto.

Fonte: thepressproject

Traduzione di AteneCalling.org