15475_604038309718559_1220813296131150734_n

La disperata e ormai allo sbando – e quindi ancor di più pericolosa – oligarchia governativa cerca di mostrare la sua forza e di applicare il dogma della tolleranza zero e della repressione preventiva.

L’enorme partecipazione al corteo per l’anniversario della rivolta del Politecnico li ha fatti infuriare. La sceneggiatura di terrorismo che avevano preparato non poteva “andare perduta”. Così, sotto gli ordini del loro superiore politico [il Ministro degli Interni, n.d.t.], la polizia ha aggredito ingiustificatamente e violentemente il corteo, colpendo il blocco dell’iniziativa anarcosindacale Rocinante e degli anti-autoritari, con l’obiettivo di scioglierlo.

Con incredibile violenza e il lancio di un’enorme quantità di lacrimogeni hanno completato la sceneggiatura messa in atto qualche giorno prima dell’anniversario da governo, rettore [dell’università di Atene, n.d.t] e polizia in collaborazione, come succede in tutti i regimi antidemocratici. Nei cortei per il Politecnico il movimento e la società ricordano ed onorano i combattenti e le combattenti, mentre i governi degli ultimi anni ricordano e onorano le pratiche della dittatura. Ma il tentativo di sciogliere il corteo non è stato sufficiente: è seguito un bagordo coordinato di repressione contro i residenti di Exarchia.

Un esercito di occupazione ha assaltato il quartiere a piedi e in moto, insultando e cercando di terrorizzare per ore chiunque fosse nei dintorni. Arresti ingiustificati, insulti volgari e sessisti contro i cittadini, il portone di un palazzo sfondato, pestaggi, le moto dell’unità Delta che mettevano in pericolo le vite delle persone passando tra i caffè e i marciapiedi a tutta velocità.

Non ci meravigliamo della loro arroganza, non ci sorprende il loro comportamento, non ci stupiamo dei loro metodi, sappiamo che fanno schifo, a immagine e somiglianza del loro governo. Ci infuriamo, però.

Che vengano disciolti i corpi di polizia di MAT, DELTA, DIAS!

Che il governo se ne vada adesso!

Diktio – Rete per i diritti politici e sociali

Fonte: diktio

Traduzione di AteneCalling.org